Home » ORGANIGRAMMA

ORGANIGRAMMA

PRESIDENTE U.M.L. Filippo Sciortino

PRESIDENTE U.M.L.  Filippo Sciortino - U.M.L.

presidenza@unionemovimentoliberazione.com 

 

Mi chiamo Filippo Sciortino,sono nato nel 1962 e ho la vorato tutta la vita nel settore delle Tele Comunicazioni, ho una Vita familiare molto bella con una Donna Meravigliosa e due Figli che mi danno molte soddisfazioni, Sono Cristiano anche se non appoggio la Chiesa che secondo me sta commettendo molti errori e che dovrebbe trovare il coraggio di ritornare alla parola di Dio nel senso lato.
Noi non siamo Talebani, Non siamo Rom, Non siamo Ne Tunisini e neanche Africani, Non siamo gay, Non siamo Razzisti , non siamo di Destra, non siamo di Sinistra, non siamo di Centro! Siamo: il Fronte dei Politici Cristiani  e siamo nati per proteggere gli italiani, il nostro popolo e lo faremo in qualsiasi modo possibile... anche se sino ad ora siamo stati molto moderati che nessuno si illuda!  d'ora in poi potremo non esserlo più! sempre nell'Ambito della legalità ma dicendo agli Italiani la verita' quella nascosta per troppi Anni!

I diritti, qualsiasi diritto civile va dato prima al popolo italiano. Ed e' per questo motivo che chiediamo a gran voce al governo italiano di dimettersi e di cambiare immediatamente strategia chiudendo immediatamente le frontiere, che gli italiani sappiano che esiste un vero piano per distruggere il popolo italiano e portare l'Islam a modello.

Chiediamo a nome di tutti i movimenti, gruppi, e associazioni confederati al ministro Renzi di rassegnare le proprie dimissioni e se a loro è rimasta un po' di dignità e di amore per il popolo italiano, di riportare immediatamente il popolo italiano al voto! 

Tempo di scelte, tempo di Giustizia!

 

Pensavo di essere povero. Poi mi dissero che non ero tale, ma bisognoso. Poi mi dissero che era autodistruttivo pensare a me stesso come bisognoso, ero solo privo di mezzi. Poi mi dissero che si trattava solamente di una cattiva immagine, ero quindi sotto privilegiato. Poi mi dissero che sotto privilegiato era abusato, ero svantaggiato, Tutt'ora, non ho un centesimo. Ciò che possiedo, tuttavia, è un gran bel vocabolario, e posso affermare con estrema onestà intellettuale che questa politica è defunta. Il futuro che vogliamo vedrà affermarsi in pieno il Rispetto dei Diritti Umani e di tutti i trattati che li riguardano e che l'Italia ha ratificato Stiamo lavorando affinché un Tribunale Internazionale possa legittimamente giudicare con grande saggezza il male che questa classe politica oramai totalmente fuori controllo ha fatto al Popolo Italiano.

VICE PRESIDENTE U.M.L. Sandra Dal Santo

VICE PRESIDENTE U.M.L.  Sandra Dal Santo - U.M.L.

Email  vicepresidenza@unionemovimentoliberazione.com

vicepresidenzaunionemovimentoliberazione@pec.net  

 

Mi chiamo Sandra sono nata a Thiene in provincia di Vicenza nel 1973 .

Sono madre di 4 figli di cui  purtroppo 2 da oramai quattro anni  non vivono con me a causa di una ingiustizia subita dalla mia Famiglia e il mio ex marito.  Da quel 26 Aprile 2011 che non vidi più tornare a casa i figli mi si è spezzato il cuore e la mia ragione di vita è diventata lottare affinchè non accada mai a nessuno.

Sono stata accusata ingiustamente dai miei stessi Figli perchè manipolati dal padre!  hanno dichiarato il falso. Arriva il 3 ottobre del 2011 e il Giudice dopo aver esaminato il caso mi ha assolta totalmente  così  vcredevo di poterli  riportare a casa, ma quel giorno mi aggredirono facendomi sbattere la testa contro la cappotta mia auto con i miei Figli che gridavano, e i carabinieri non mossero un dito, anzi chiesero  ai miei Figli con chi volevano andare  ( assolutamente illecito ) si sa che loro non sono autorizzati a far queste domande anche perchè erano visibilmente scioccati.  Io in gravidanza di 6 mesi sono stata portata all'ospedale e solo una dei figli non ha voluto andare con il padre ed è salita nell'ambulanza con me, sono salva e il Figlio che avevo in grembo si è salvato solo grazie al tempestivo intervento di una poliziotta che passava di li' per puro caso, salvando la mia vita e quella di mio Figlio in Grembo.

Da quel momento ho deciso che chiunque soffra per fatti simili avra' il mio appoggio incondizionato, io non smetterò di lottare anche se nella mia anima il dolore che provo mi  disrugge giorno per giorno.

Quando si amano i propri figli non si deve mai pensare a se stessi , ma solo al loro bene e in questo mondo purtroppo c'è troppo marciume anche fra chi dovrebbe tutelare da queste ingiustizie.

I figli sono un dono di Dio e chi non sa apprezzare tutto ciò non è degno di averli come chi pretende di giudicare senza conoscere .

Questo ha portato la maggior parte della gente alle menzogne e alla distruzione della nostra Patria .

Io lotterò per dare un mondo più pulito a tutte quelle creature che stanno soffrendo, per il solo fatto che  noi adulti siamo solo troppo egoisti .

MEMBRO DEL SETTORE GIUSTIZIA U.M.L.

MEMBRO DEL  SETTORE  GIUSTIZIA U.M.L. - U.M.L.

 Linda Corrias,

Email : responsabilelegale@unionemovimentoliberazione.com 

Sono un'imprenditrice ed al contempo svolgo la libera professione di avvocato, ma questo breve inquadramento sarebbe riduttivo perché la sete inesauribile di conoscenza e il percorso verso la consapevolezza a tutto tondo sono la mia vera forza.

Ho avuto ed ho una vita ricca di opportunità, difficoltà e soddisfazioni. Vivo ogni obiettivo come una sfida dove la vittoria è arricchimento per il bene di tutti coloro che hanno partecipato alla competizione e non solo il mio. Sono appassionata di storia (quella vera!!!), economia e fiscalità.

 

Ho scelto per indole profonda ed incontenibile di esplorare fin da bambina, trasversalmente, tutto il tessuto della popolazione, in particolare del mio Paese e della mia Regione.

 

Dalla mia famiglia ho appreso valori profondi di giustizia, costanza e determinazione che ho elevato a monito di vita, tanto da maturare il profondo convincimento che l'impossibile è possibile perché il superamento dei limiti dipende da noi. Da mio padre in particolare, che ha lavorato in banca per oltre quarant’anni, ho appreso la giusta oculatezza economica, blindata dalla profonda diffidenza verso i grandi “Mostri”, ossia le Banche.

 

L’attuale situazione sociale è allo sfascio. Vogliamo simulare di essere un Paese attento al sociale con un’assistenza per i bisognosi, i disabili, i malati, gli anziani, i disoccupati, ma siamo a livelli infimi.
La sanità pubblica impone tempi di attesa indegni che costringono a ricorrere ogni giorno di più all’assistenza privata. Il fenomeno migratorio sta mettendo in ginocchio le già provate strutture ospedaliere pubbliche.
Le vere tutele dell’occupazione ottenute con tanto affanno rimangono solo una vaga chimera.

 

L'attuale realtà è antisociale. La volgare simulazione buonista va perfettamente di pari passo con l’adozione delle misure antidemocratiche come:
la costituzionalizzazione del pareggio in bilancio;
il redditometro con l’inversione dell’onere della prova a carico del contribuente;
l’innalzamento dell’età pensionabile;
In questo caso la storia dev’essere maestra di vita e per andare avanti bisogna consapevolmente guardare indietro. I non giovanissimi, possono ancora ricordare il profumo di libertà, democrazia, sovranità di popolo.
Ritengo, che oramai da oltre un decennio, l’Italia sia vittima di un vero e proprio colpo di stato, il cui dittatore si chiama Unione Europea, che ha travestito con il peggior manto di legalità formale la peggior violenza al cuore della nostra Costituzione materiale, indebolendola giorno dopo giorno.
Le misure assunte da quel momento in poi, senza incontrare alcuna resisistenza, hanno sancito nel nostro Paese la fine della democrazia.
Si impone una profonda pulizia del sistema elettorale per ricordarsi che la democrazia appartiene al Popolo Italiano. Bisogna rompere le catene imposte dall’Unione Europea e capire che non siamo, necessariamente, così deboli, stupidi ed ignoranti da essere solo sudditi ed incapaci. Bisogna riacquistare sovranità e moneta.
L’asservimento del nostro Paese all’Europa è in via di compimento. Io non mi arrendo e scelgo di lottare per essere libera.

 

Siamo arrivati ad una situazione talmente kafkiana dov’è il nostro meglio va all’estero perché la Madre Italia è, ora matrigna, e non ama i suoi figli, la sua cultura, la sua meravigliosa lingua, le sue tradizioni ed il suo patrimonio. Educa i giovani ad una forzosa esterofilia, al disprezzo dei valori nazionali con un’indegna equazione dove il l’ignoranza, il degrado, lo sfascio, lo sbando e la volgarità portate all’esasperazione più ostentata diventano sinonimo di anticonformismo e democrazia, nonché celebrazione della passiva accettazione indiscussa della diversità (In totale spregio dell'Art. 3 della Costituzione !!!)

 

Governi illegittimi si susseguono, minando un testo per me sacro, ovvero, la Carta Costituzionale del 1948, testo al quale ho dedicato proprio la mia tesi di laurea conseguita a pieni voti (cum laude!!!)
Soffro nella misura in cui vedo il mio Paese allo sfascio, volutamente declassato a nazione di serie C nonostante le sue potenzialità.
Ho acquisito sufficienti competenze nel mondo per poter sostenere che l’esterovestizione europeista che ci hanno cucito addosso, rappresenti per noi, una castrante e volgare camicia di forza. 
Castrante perché tale e tanta è l’assenza di libertà che rende vacuo il nostro futuro. Volgare nell’accezione peggiore del termine e voluta antinomia della sua stessa radice, ossia, volgo/popolo.
Quel popolo italiano smembrato, disgregato, reso debole per meglio essere governato. “Il potere al popolo italiano!!!!... al vulgus in latino”. Invece, è più corretto parlare di vero e proprio vulnus verso tutto il popolo, verso la Costituzione!!!
Un popolo mantenuto inerme, muto, disilluso, debole e quindi asservito. Vittima del vortice del quotidiano dove la “corsa incessante a sbarcare il lunario” toglie il tempo e la lucidità per pensare, per capire.
Questo è un popolo che assiste passivo ad un vero e proprio insediamento di regime, dove la tiepida schiavitù viene spacciata come libertà, dove la buona scuola aiuta ad ingoiare la dolce pillola letale.

 

Ciò detto e considerato, ho trovato in U.M.L. una voce al mio grido di dolore strozzato. Alla rabbia che provo nel vedere i miei concittadini indifferenti, inebetiti e remissivi. 
Il mio obiettivo è convertire la rabbia in energia per restituire ad ogni individuo la consapevolezza tramite il Sapere, la responsabilità tramite il libero arbitrio.

 

Scelgo di dare il mio contributo accettando il Mandato di Responsabile Nazionale ufficio legale U.M.L., per me stessa, per coloro che mi circondano e che hanno fiducia in me ed in chi la avrà, dal nord al sud del Paese, in memoria di chi mi ha permesso di essere quella che sono, di chi ha cercato di trasmettermi cultura, valori, ed ambizioni, di chi è morto per questo Paese insegnandoci con il proprio sangue che la libertà è vita, che la dittatura è un male, ma che la finta democrazia è la peggior droga, perché conduce inesorabilmente i cittadini a fare dell'abitudine, la soffice culla della schiavitù.

RESPONSABILE NAZIONALE DIRITTI UMANI

Pierluigi Filios

RESPONSABILE NAZIONALE DELEGATI U.M.L.

RESPONSABILE NAZIONALE DELEGATI U.M.L. - U.M.L.

Lorella Calzavara 

Email:  Lory.calzavara@gmail.com  

Mi presento il mio nome è Lorella Calzavara, sono nata a Cassano Magnago il 15-07-1960. Mi sono avvicinata ad UML da qualche anno, il motivo è molto semplice, la delusione presa in decenni di ascolto e, partecipazione, dell'attuale politica. Ho trovato risposta in molte domande che mi ponevo. Ho finalmente la possibilità di essere attiva e partecipare, con le dovute maniere, a quel tanto oscuro pianeta che si chiama politica. Obbiettivamente parlando, non apprezzo per nulla questa classe politica che, niente fa per la tutela del popolo Italiano. Forse vedo la classe dirigente in un modo strano ma, secondo il mio modesto parere, questa dovrebbe prima preoccuparsi di chi li elegge e poi di loro. Per le leggi che sono state fatte, dico che.. Siamo fermi a quelle fatte dal Governo Mussolini, dopo di che, si sono persi nei meandri della corruzione e del clientelarismo. Forse sarò una sognatrice ma, un buon governo va impostato come una famiglia, niente può essere imposto senza chiedere il parere altrui, in questo caso, ancora di più. Ho trovato, quindi, questi riferimenti nel programma di UML e per questo sostengo questo Movimento; nella persona, poi del Presidente Filippo, ho trovato il gran pensatore ed ideatore, nonchè, possibile attuatore di questo nuovo sistema che trova la mia approvazione ed il mio sostegno.

Per quanto riguarda questa Europa... Non rispecchia il mio pensiero e ciò che in realtà dovrebbe essere, è stata pensata da menti che hanno come fine solo il proprio arricchimento e soddisfacimento. Dal mio punto di vista, l'ho detto tante volte, è come se avessero iniziato la costruzione di un grattacileo dall'ultimo piano e non dalle fondamenta. Si può costruire un'Europa unita? Secondo me sì ma, ogni stato deve essere indipendente, esattamente come lo era prima, sovrano nel proprio territorio e nessuno deve costringere alla sottomissione dei voleri altrui i popoli. Dato di fatto, questi attuali, finti politici, non porteranno niente di buono se non invasione, sottomissione e annullamento delle civiltà e dei popoli.

Altro argomento la Politica Estera... Ho capito da molto tempo che, in realtà, nessun politico ha interesse a fare in modo che mel mondo esista la pace. Non è certo con le manifestazioni o con borbottii vari che si possono cambiare le cose. Abbiamo di fronte un grosso dramma che possiamo riassumere in una parola EGOISMO. Per l'arricchimento ed il potere, pochi, sono disposti ad annientare totalmente l'essere umano. Ammettendo che, voglio essere buona, realmente abbiano armi di distruzione di massa, questi non esiteranno un secondo ad utilizzarle, la cosa non mi spaventa ma mi fa arrabbiare. La terra è un bene prezioso e l'essere umano la sta distruggendo in tutto e per tutto. Voglio sperare che, capendo queste cose nel nostro piccolo, avremo modo ma, soprattutto, il tempo necessario per fermare ed annullare, una distruzione di massa.

Attualmente occupo la carica di Delegato Nazionale Popolare Milano, ringrazio con gratitudine per avermi dato la possibilità di esprimere dei concetti che ritengo importanti per la mia crescita, anche politica, te Presidente che me ne dai la possibilità. Chiudo con questo motto, che è sempre stato il mio, NATUS EX PATRIA MORIENDI IMPETUM DEFENDERE

Saluto tutti Lorella Calzavara

 

DELEGATO POPOLARE REGIONALE LIGURIA

DELEGATO POPOLARE REGIONALE LIGURIA - U.M.L.

 Sergio Ferrari 

Email:  sergioferrari9691@gmail.com

Cari concittadini,
Permettettemi di usare questo termine per poche volte ancora. Se passerà la legge dello ius soli, sarò costretto a cancellare tale termine dal mio dizionario sostituendolo con quello più specifico di connazionali, sempre che non diventi una parola illegale e xenofoba visti i tempi che corrono e l'oscurantismo imperante. Il governo, se così possiamo chiamare una accozzaglia di traditori, vista la mal parata degli ultimi tempi, sta forzando le tappe per la sostituzione etnica e culturale del nostro amato paese. Siamo soli, noi nazionalisti, populisti patrioti ad affrontare questa minaccia e ci troviamo ancora troppo divisi per creare una minaccia reale al sistema. Eppure siamo in tanti, potremo decidere le sorti del paese, distruggere questo sistema imposto da chi non ama il paese, stipendiato e corrotto da chi non ama il pianeta. La nostra disunione sarà la nostra caduta, sarà la condanna per i nostri figli che saranno emarginati in casa loro già da subito, sara la nostra condanna che per restare italiani dovremo tornare a navigare raminghi per il mondo senza più avere una casa in cui tornare, perché tale casa, chiamata patria, ci verrà sottratta entro breve, entro pochi giorni con il nostro beneplacido. Cari italiani, se c'è un momento per l'unione, se c'è un momento propizio per la lotta, sappiate che è questo. Dopo ci sarà solo più la guerra civile.
Ormai siamo emarginati nel nostro stesso paese, da anni ci impongono di rimuovere il crocifisso (quindi le nostre credenze religiose), variano il menù dei nostri figli nelle scuole (iniziano così a imporre le loro abitudini alimentari), impongono leggi con metodi coercitivi (a favore dei business delle multinazionali), ci impoveriscono e distruggono le nostre aziende con tassazioni assurde i cui ricavi non sono più utilizzati per il bene comune del paese al solo fine di renderci schiavi silenziosi e sottomessi. Potrei scrivere pagine intere ormai di ingiustizie, incostituzionalità e violazione dei diritti umani, di colpi di stato e abusi di potere, di alto tradimento... dico solo ancora una cosa se me lo permettete CONCITTADINI ITALIANI. Siamo noi che lo stiamo permettendo. Ci stiamo unendo in tanti, questo lo concedo, ma ci stiamo mettendo troppo tempo con troppi dubbi troppi ma e troppi se. Sapete cosa vi dico? Queste cose lasciamole per un secondo momento, ora agite di cuore, agite con l'entusiasmo di essere italiani, pensate al vostro futuro quando un giorno direte, con gli occhi lucidi, ai vostri nipoti di quanto sia bello ancora questo paese grazie a voi e ai vostri connazionali che hanno lottato per riconquistarlo. In migliaia di anni abbiamo creato la terra più bella del mondo, l'arte, la cultura, la miglior cucina, le menti più preparate e geniali... davvero volete perdere in pochi giorni? veramente volete consegnarla ai barbari? Io no.

Delegato Popolare Regionale Friuli Venezia Giulia

Delegato Popolare Regionale Friuli Venezia Giulia - U.M.L.

Maurizio Vidoli


Email: m.kargo29@gmail.com

 Nella mia professione ho svolto lavori che mi hanno permesso di acquisire competenze nelle relazioni umane, sociali, psicologiche e motorie dei portatori di pluridisabilità, Ho lavorato su progetti atti ad applicare moduli respiro verso quelle famiglie che hanno avuto la sventura di avere tra le mura domestiche un proprio caro malato di Alzhaimer. Sempre nel contesto socio-sanitario, sono attualmente un componente della Consulta Salute Cittadini del Distretto Sanitario 3 Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste (ex Azienda per l’Assistenza Sanitaria n.1 Triestina).

Questa esperienza mi ha portato a conoscere bene il territorio e ad essere in contatto con le famiglie Italiane che spesso sono considerate di serie B rispetto alle agevolazioni riservate ai cosiddetti “migranti economici” ai quali viene indiscutibilmente riservato un trattamento migliore sia sociale, sia sanitario che abitativo. Molti connazionali, delle fasce più deboli ormai sono stati abbandonati dalle Istituzioni. Anziani che sono costretti a ricercare nelle immondizie qualcosa da poter mangiare, famiglie abbandonate alle quali viene negato ogni tipo di supporto finanziario, psicologico e organizzativo o se viene assegnato viene accreditato, viene accreditato sempre ai “soliti noti”, per poi decretare l’irrecuperabilità delle capacità genitoriali, fermo restando che le condizioni di indigenza non possono essere d’ ostacolo all'esercizio del diritto del minore alla propria famiglia d’origine. Quale lo scopo? Io ritengo che si voglia ormai distruggere quella che è la famiglia tradizionale che è la prima istituzione di questo Paese. Colpire le famiglie italiane e soprattutto quelle più deboli con la disoccupazione involontaria, il socio-sanitario ridotto allo sfascio, le condizioni abitative di chi ormai è destinato a dormire nella propria autovettura, corrisponde a destabilizzare volontariamente il nostro Paese.

DELEGATO POPOLARE REGIONALE CAMPANIA

DELEGATO POPOLARE REGIONALE CAMPANIA - U.M.L.

 Enrico Bracci

Email:   commercialebraccisrl@libero.it  

 Sono nato a milano il 18/12/1959. abito a napoli dal 1970. coniugato con quattro figli. diploma di geometra conseguito presso l'istituto tecnico G.B. DELLA PORTA di Napoli. lavoro da trentasette anni nel settore piastrelle in ceramica con uno show room (www porcelanosanapoli.com) per la vendita al pubblico e un deposito (www commercialebracci.it) per la distribuzione all'ingrosso con rete agenti in lazio,campania puglia e calabria.


Ho deciso di aderire al vostro movimento perche' sono stanco di leggere giornali e guardare i vari programmi televisivi passivamente e vedere che le cose vanno sempre peggio per noi italiani. Per quanto riguarda imprese , commercio , artigianato , societa' ,banche ,politica ed europa dovrei avere tantissimo tempo per raccontare le mie esperienze e dire cosa ne penso in merito per cui spero di incontrarci a breve per discuterne da vicino. ideologicamente socialista , vorrei mettere la mia esperienza al servizio di tutte le persone , famiglie ed aziende che stanno annegando nella palude creata dal nostro sistema politico.

DELEGATO POPOLARE PROVINCIALE PARMA

DELEGATO POPOLARE PROVINCIALE  PARMA - U.M.L.

Mara Dorigo

Email :   maradorigo87@g.mail.com

 
Mi chiamo Mara ho accettato di aderire a questo Movimento perché le loro idee i loro pensieri fanno parte del mio " pensiero " siamo in tanti a pensarla così sono sicura che ce la faremo, invito altri a seguire la mia Strada,  ora abbiamo anche la Corea che mette paura al mondo, ci auguriamo che cambino idea alla svelta è che la pace torni sovrana,ma nel frattempo vediamo di mettere un po' di ordine in Italia mandando a casa questo governo illegittimo, per questo mi auguro che molti di voi italiani seguano la mia strada unendosi a noi di U. M.L.  ormai è chiarissimo a tutti quello che Noi con maggiore Enfasi diciamo da Anni ma nessuno ci ha voluto dare retta, potete ancora farlo vi chiedo un aiuto per tutti !

 

 

Delegato Popolare Comunale Fidenza

Delegato Popolare Comunale Fidenza - U.M.L.

Pietro Di giuseppe  

Email :